Logotipo di EvoSist

AUCTORES: sistema di programmazione ad operatori.

Autore: Sergio Iovacchini



Progetto

Home
Forum
Forum relativo
a questo argomento
Indice Argomenti
Pianificazione
Descrizione del Progetto
in PDF
in HTML
Bibliografia


Autore

Curriculum dell’autore
Contattare l'autore

<<<

Aspetto grafico.

L’aspetto grafico dell’interazione con il CAD di programmazione rispecchia i legami logici tra gli operatori: la parte semantica dell’operatore, ovvero la parte il cui cuore è il processore, è rappresentata da una icona che visualizza il “cosa fa” l’operatore; ciascuna porta del processore è rappresentata da un segmento che ha origine dall’icona; i connettori sono rappresentati da una figura geometrica che racchiude il nome del connettore simbolico con cui è terminato l’operatore: la figura che si ottiene è un grafo orientato (in genere un albero).

L’utente, dovendo comporre un operatore fruitore (da costruire o già pronto) con un operatore fornitore, ha gli strumenti per navigare contemporaneamente in due ambienti di conoscenza, uno da cui selezionare e comporre il fruitore, uno da cui produrre il fornitore.

La composizione tra operatori si compie selezionando dall’opportuno ambiente di conoscenza l’operatore o l’insieme degli operatori che costituirà il nuovo ambiente di conoscenza; mettendo in comunicazione il connettore con l’ambiente di conoscenza creato, il connettore si combina con esso e, in combinazione a sua volta con la parte semantica, dà origine ad un nuovo operatore fruitore i cui connettori sono i connettori dell’operatore fornitore.

Ovviamente se l’operatore fornitore, in combinazione con i connettori del fruitore originario fornisce operatori terminali, l’operatore risultato è un operatore terminale e quindi direttamente eseguibile.

La navigazione tra gli ambienti di conoscenza per la costruzione di operatori è effettuata utilizzando le informazioni di classificazione contenute negli operatori: il nome, che in risposta ad un appropriato connettore “nome” fornisce una identificazione umana dell’operatore, lo scopo, che fornisce la descrizione, visualizzata dal browser del CAD per la programmazione, della destinazione d’uso (“cosa fa”) dell’operatore ed altre informazioni che possono essere utili di cui si è già trattato alla voce “Connettori”.

Effettuata la costruzione del nuovo operatore, se questo non deve essere soltanto una entità estemporanea, il CAD per la programmazione richiede all’utente di specificare le informazioni di classificazione che saranno utili per il suo riutilizzo.

È quindi compitodell’utente definire lo scopo di ogni operatore ed avere cura di inserire ogni operatore in un ambiente di conoscenza opportuno, per esempio in base allo scopo stesso: l’ambiente grafico del CAD consente allora di presentare gli operatori già esistenti secondo una struttura gerarchica definita dalla loro collocazione in ambienti di conoscenza.



>>>