Logotipo di EvoSist

AUCTORES: sistema di programmazione ad operatori.

Autore: Sergio Iovacchini



Progetto

Home
Forum
Forum relativo
a questo argomento
Indice Argomenti
Pianificazione
Descrizione del Progetto
in PDF
in HTML
Bibliografia


Autore

Curriculum dell’autore
Contattare l'autore

<<<

Utilizzo di AUCTORES .

La funzionalità.

Dal punto di vista funzionale AUCTORES fornisce un insieme iniziale di operatori con le funzioni di:

  • definire nuovi ambienti di conoscenza a partire da ambienti di conoscenza preesistenti; questi operatori utilizzano i connettori per strutturare l’operatore risultato secondo il loro annidamento.

  • Interfacciare il sistema operativo ed il sistema di gestione delle interazioni utente per poter attuare uno scambio di informazioni con l’esterno in modo da poter creare nuovi operatori a partire da files e/o dall’interazione con l’utente oppure creare files e/o interazioni a partire dalle composizioni di operatori.

  • Operare trasformazioni sugli operatori terminali, cioè sugli operatori che mappano direttamente le caratteristiche dell’hardware come per esempio la memoria ed eventualmente i registri, il timer etc...

  • Distruggere gli ambienti di conoscenza obsoleti conservando l’integrità referenziale di altri ambienti di conoscenza ad essi connessi.

Gli operatori che costituiscono AUCTORES, nella formulazione iniziale, possono concettualmente essere raggruppati secondo la loro modalitità di utilizzo:

Operatori nativi del sistema

Sono quelli a cui è demandato il compito di costituire l’insieme degli servizi di base; questi operatori sono considerati primitivi e sono i mattoni che costituiscono gli operatori di livello più alto.

L’utente con le necessarie conoscenze di programmazione può, usando gli stessi strumenti usati per costruire AUCTORES, costruire altri operatori nativi, le cui funzionalità sono svolte più o meno direttamente dall’hardware, prevedendo per lo sviluppo di tali operatori l’uso di linguaggi a basso livello come il C o l’assembler.

Operatori da programmi importati

Per poter riutilizzare del software già scritto, è previsto un insieme di strumenti atti ad aiutare l’utente a trasformare programmi o parti di programmi delle usuali applicazioni in operatori AUCTORES.

L’interazione con gli altri operatori avviene in questo caso considerando l’input/output come canali dell’operatore semantico.

Ovviamente si avranno delle limitazioni nell’usabilità in quanto questi programmi, oltre a non avere l’efficienza degli operatori nativi, risentono dalla “dipendenza” da frameworks esterni e da parti run-time di varia natura per l’interfacciamento con i servizi del sistema operativo.

Nella fase iniziale, non disponendo AUCTORES di una propria gestione, a funzioni di questo genere sono demandate l’espletamento di funzionalità di più alto livello come la multimedialià, la condivisione, l’interscambio di informazioni e l’esecuzione remota di funzioni.

Operatori d’interazione uomo-macchina

Ad essi è demandata la generazione delle interfacce (grafiche e non) e la gestione della fruizione da parte degli operatori dei servizi del sistema ospite, cioè la gestione del file system, della memoria, dei temporizzatori, dei semafori, dei gestori degli eventi e delle comunicazioni, etc...

È previsto che possano in seguito essere sviluppate interfacce per le interazione con persone disabili, per esempio per mezzo di strumenti software di sintesi e di riconoscimento vocale, di gestione di dispositivi speciali come le tastiere Braille e di strumenti di puntamento comandati dal movimento oculare, etc...

Operatori matematici

Il nucleo iniziale di AUCTORES fornisce soltanto le funzioni matematiche di base; successivamente saranno fornite le funzioni più avanzate, destinate alla grafica ed al calcolo scientifico (operazioni matriciali, interpolazione, soluzioni di sistemi di equazioni non lineari, calcolo simbolico, sistemi di equazioni non lineari e di disequazioni, integrazione di equazioni differenziali, etc...).

Supporto a grafica, realtà virtuale e multimedialità

I principi costitutivi di AUCTORES hanno avuto origine proprio nel campo della grafica in cui essa rappresenta un particolare aspetto nella descrizione di entità ed in cui l’aspetto grafico è definito per mezzo di operazioni, come per esempio la descrizione di un poligono per mezzo dell’operazione di tracciatura delle linee e la campitura di un’area con un colore, la ripetizione di elementi con operazioni di simmetria, etc...; per esempio, sono usate funzioni trascendenti e polinomiali per descrivere elementi grafici quali porzioni di superficie e curve.

Anche in questo caso, soprattutto per ciò che riguarda la multimedialità, inizialmente AUCTORES si servirà di strumenti esterni che entrano nel sistema secondo quanto specificato nel lemma “Operatori da programmi importati”.



>>>